QUALE ATTREZZATURA PER PRATICARE IL KARATE?

Sei interessato alle arti marziali e vuoi praticare il karate? Dovete sapere che si tratta di una pratica che richiede molta diligenza, pazienza, forza di volontà e, non da ultimo, attrezzature adeguate. Anche se l’abitudine non fa il monaco, l’attrezzatura da karate è un aspetto cruciale nella pratica di questa arte marziale.

Attrezzatura per la firma

Chiunque voglia procurarsi un’attrezzatura da karate dovrebbe iniziare a cercare un kimono o un karate-gi. Questo è l’abbigliamento specifico per quest’arte marziale. È allo stesso tempo leggero, confortevole, flessibile e soprattutto molto resistente. La sua realizzazione richiede procedure specifiche a causa delle situazioni estreme che deve affrontare durante la pratica. Infatti, il kimono è soggetto a forti attriti e movimenti molto bruschi per tutta la sessione. Il kimono bianco è lo standard accettato in pratica nel dojo, ma in gara, il karateka può indossare il nero, il blu o altri kimono. Un altro equipaggiamento identitario di karateka è la cintura. Anche se garantisce il mantenimento della divisa, il suo ruolo principale è l’identificazione del rango del professionista, con i suoi diversi colori. Dato che hai appena iniziato a praticare il karate, devi indossare una cintura bianca.

Concorrenza e protezione

L’attrezzatura per il karate è più di una semplice pratica. Naturalmente, se non avete intenzione di cimentarvi nella competizione, i requisiti rigorosi sono il kimono e la cintura. Per coloro che vogliono cimentarsi nelle competizioni di karate, è necessario prevedere diversi tipi di protezione. Prima di tutto si ha il casco, per proteggere la testa, è particolarmente obbligatorio per la gara dei bambini. Poi c’è il paradenti, la protezione per il torace e il guscio che protegge le parti sensibili del corpo. Infine, ci sono i guanti, i parastinchi e i parapiedi che proteggono il cavaliere ed evitano di lasciare postumi o lesioni all’avversario. Oltre alla protezione del corpo, avete anche attrezzature per colpire e sparring. Questi sono gli strumenti imbottiti che il professionista prende a calci e pugni, spesso sono tenuti in mano dai partner dello studio.

Altri accessori per la pratica

Oltre allo stretto necessario per l’attrezzatura da karate, ci sono anche accessori che aiutano nella pratica. Tra questi accessori ci sono i tatami. Sono utilizzati per coprire il terreno per ridurre gli urti e l’attrito, nel caso in cui il professionista cada a terra. Normalmente, è il dojo che attrezza i suoi pavimenti con tatami e il professionista non ha bisogno di procurarseli. Tuttavia, se avete intenzione di esercitarvi a casa o di aprire un dojo, ne avrete bisogno. Inoltre, anche se il karate è una pratica a mani nude, ci sono imitazioni di armi per simulare l’aggressione: il bokken (spada di legno o katana), il bo (bastone), il nunchakus, ecc.

Exit mobile version